cellulite

Cellulite: 5 miti da sfatare

Cellulite: la verità sull’inestetismo più odiato e temuto dalle donne.

Quanto ne sapete (davvero) sulla cellulite?

Abbiamo raccolto 5 leggende metropolitane che interessano l’inestetismo più odiato dalle donne e abbiamo provato a fugare qualche dubbio.

  1. La cellulite è causata da abitudini sbagliate nello stile di vita.

Vero, anche se lo stile di vita non è l’unica causa. 

Sulle cause della cellulite si è detto molto, ma quel che è bene ripetere- sempre- è che si tratta di una patologia multi-fattoriale: dietro la sua comparsa non c’è una sola causa, ma diversi fattori che possono favorirne la comparsa o peggiorare il problema.

Oltre allo stile di vita- e qui meritano attenzione alcune abitudini sbagliate come un’alimentazione troppo ricca di zuccheri, alcol e fumo, stress e vita sedentaria, indumenti attillati che ostacolano la circolazione, tacchi troppo alti, posture scorrette che possono condizionare la circolazione delle gambe e aggravare la stasi linfatica e venosa- nella sua comparsa pesano molto anche la predisposizione familiare, la costituzione, cause ormonali e vascolari (fragilità capillare).

2-La cellulite è da considerarsi un inestetismo puramente estetico.

Falso: la cellulite è una patologia e, come tale, va trattata.

Alla base c’è uno squilibrio ormonale –  un eccesso di estrogeni, gli ormoni femminili –  che porta ad una maggiore ritenzione idrica e all’accumulo di grasso su cosce, fianchi e glutei.

Più propriamente, la cellulite deriva da un’infiammazione del tessuto adiposo che aumenta di volume e trattiene liquidi nei tessuti.

La cellulite determina un’alterazione della condizione normale della pelle che   assume il caratteristico aspetto “a buccia d’arancia” o a “materasso”: invece di essere liscia e compatta, presenta una serie di rigonfiamenti più o meno estesi.

3-Il tessuto adiposo è superfluo.

Falso. Il nostro corpo è una macchina perfetta, studiata per funzionare anche in situazioni estreme o di scarsità e in cui nulla è superfluo, nemmeno il tessuto adiposo.

Il tessuto adiposo svolge due importantissime funzioni: protegge alcune delicate parti del corpo e funge da “riserva energetica” a cui attingere in caso di emergenza o necessità. In periodi di alimentazione abbondante, infatti, il nostro corpo accumula delle scorte indispensabili per sopperire al fabbisogno energetico in caso di scarsità o di digiuno prolungato.

Si calcola che le cellule adipose possano arrivare a costituire il 10% dell’intero peso corporeo di un adulto e sopperire alla spesa energetica di 40 giorni.

4-La cellulite è una patologia che interessa soprattutto le donne

Vero.

Le più colpite sono le donne, in genere dopo la pubertà, perché alla base c’è un’alterazione degli estrogeni, gli ormoni femminili.

La patologia può degenerare da uno stadio iniziale, con stasi linfatica e ristagno di liquidi, alla fase sclerotica, con degenerazione e rigonfiamento dei tessuti che assumono il classico aspetto “a buccia d’arancia”.

5- Colpisce solo le donne in sovrappeso.

Falso. Il sovrappeso può favorire la comparsa della cellulite, anche se la patologia non è strettamente legata al peso. Si parla di “cellulite compatta” per indicare la cellulite che colpisce le donne con muscolatura tonica e in buone condizioni fisiche generali.

Leggi anche: Cellulite, scopri di più sull’inestetismo più temuto dalle donne

Tagged: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*