Pelle: impariamo a conoscerla meglio

Per conoscere meglio la pelle, l’organo più esteso del corpo umano, abbiamo chiesto aiuto al Dr Agostino Crupi, dermatologo

La pelle è l’organo più grande e pesante del corpo umano. Composta prevalentemente da acqua (87%), proteine e lipidi, tra i molti compiti assolve a quello importantissimo di difenderci dal mondo esterno e, al contempo, di consentire il contatto con ciò che ci circonda (tatto).

crupi Mantenerla in buona salute è fondamentale: non come imperativo estetico, ma soprattutto come lasciapassare per il futuro.

Massima attenzione va prestata nella cura quotidiana, dalla detersione con prodotti che non impoveriscano il film idrolipidico alla corretta idratazione, ma anche quando ci si espone al sole o a climi estremi.

Particolare attenzione va dedicata anche a quelle piccole anomalie della cute, come nei e cheratosi, che non sono pericolose, ma che vanno tenute monitorate soprattutto se si evidenziano cambiamenti nella forma, nel colore o nello spessore.

A guidarci in questo viaggio di scoperta è il dermatologo Agostino Crupi.

Dr Crupi è vero che la pelle svolge l’importantissimo ruolo di barriera protettiva dal mondo esterno?

Assolutamente sì. La pelle è l’organo più esteso del corpo umano, con uno spessore che varia da 0,4 mm delle palpebre ai 4-7 mm delle regioni palmo-plantari, ma è anche il limite tra l’ambiente esterno e l’ambiente interno del nostro corpo. La pelle svolge il ruolo di una vera e propria barriera protettiva nei confronti dei microrganismi esterni, assorbe e cerca di bloccare le radiazioni solari, impedisce la perdita di acqua, regola la temperatura del nostro corpo, e oltre ad avere un ruolo immunologico molto importante mantiene attiva una fitta rete di connessioni nervose che le conferisce la funzione di organo di relazione.

Da che cosa dipende il colore della pelle?

Il colorito della pelle varia in base alle origini della specie ed ai luoghi climatici in cui è sopravvissuta la specie stessa: distinguiamo gli esseri umani in vari fototipi.

E’ vero che la pelle è costituita da diversi strati?

Sì. La cute è costituita dall’epidermide che rappresenta tutto ciò che è visibile ad occhio nudo ed è la parte più esterna del corpo umano e dal derma con il sottostante tessuto adiposo. Tra l’epidermide ed il derma vi è una stretta connessione grazie alla presenza della giunzione dermoepidermica.

Nel derma e nel sottocutaneo sono contenuti gli annessi cutanei (i follicoli piliferi, le ghiandole sebacee, le ghiandole sudoripare apocrine ed eccrine e le unghie). L’epidermide è costituita da varie cellule tra cui ricordiamo i cheratinocitimelanociti, le cellule di Langerhans e le cellule di Merkel.

Epidermide dermatologia

Che cosa sono i nei?

nevi sono delle anomalie della pelle caratterizzate da un aumento di una o più cellule che costituiscono la pelle stessa. I nevi che maggiormente interessano ai fini della prevenzione del melanoma sono i nevi melanocitari, cioè quelli costituiti da un aumento dei melanociti cioè di quella cellula della pelle deputata a produrre la melanina.

pelle e neiIn generale possiamo distinguere i nevi in due grandi categorie:

  • i nevi congeniti, che compaiono alla nascita o nel corso dei primi mesi di vita ;
  • i nevi acquisiti, che compaiono nel corso della vita e fino ai 50/55 anni; raramente possono comparire dopo la sesta decade di vita del paziente.

Questa ultima categoria di nevi è condizionata da vari fattori tra cui le caratteristiche innate del paziente medesimo (predisposizione costituzionale di tipo genetica) ed inoltre, in maniera preponderante, dalle eccessive esposizioni ai raggi solari nelle prime decadi di vita (esposizione con conseguenti episodi di ustioni solari con vesciche, bolle etc.). Per questo motivo la Prevenzione risulta fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*