Solare: come scegliere quello giusto

Il solare giusto esiste: è quello che tiene conto delle caratteristiche della persona e delle condizioni dell’esposizione.

solareLa scelta del solare giusto è una questione fondamentale.

Non tutti i solari sono uguali e tra i molti prodotti in commercio è indispensabile individuare quello adatto alle nostre esigenze e alla nostra pelle.

Crema, olio, gel, piuttosto che il fattore di protezione, rappresentano gli elementi chiave per preservare la nostra pelle dai molteplici danni provocati dall’esposizione ai raggi UV. Oltre a scottature, eritemi e macchie, tra gli effetti causati dal sole ricordiamo anche invecchiamento precoce della cute, rughe, cheratosi e ciò che ne consegue (cfr. articolo danno attinico).

Una cosa è certa: nella scelta del solare entrano in gioco più fattori.

Dal fototipo all’ora, luogo, altitudine, fino alla radiazione riflessa.

solare dott.ssa cantaveneraTralasciando per un momento l’argomento fototipo, di cui parleremo più avanti con la Dott.ssa Cantavenera, è bene ricordare che l’esposizione è sconsigliata nelle ore centrali della giornata, ovvero tra le 12 e le 15.

L’intervallo diventa più lungo se si tratta di bambini: in questo caso l’esposizione va evitata dalle 10 alle 16.

Anche luogo e altitudine influiscono sull’esposizione: ai tropici e in montagna il fattore di protezione dev’essere più alto perché, avvicinandosi al sole, le radiazioni sono più forti.

Esistono poi delle condizioni naturali in cui i raggi solari vengono riflessi e potenziati: acqua, sabbia, neve e ghiaccio fungono da superfici riflettenti. C’è di più: oltre un terzo dei raggi filtra anche attraverso l’ombrellone, perciò la protezione serve anche quando siamo all’ombra. Per capire meglio come scegliere il solare più adatto a noi e quali fattori tenere in considerazione nel momento dell’acquisto, abbiamo rivolto alcune domande alla Dott.ssa Cantavenera, dermatologa.

  • E’ vero che nella scelta del solare, e del relativo SPF, uno dei fattori da tenere in considerazione è il fototipo?

Assolutamente sì.

  • Che cos’è il Fototipo ? Quanti fototipi esistono?

Il Fototipo è una classificazione dermatologica basata sulla qualità e quantità di melanina presente sulla pelle, nonché sulla possibile reazione di quest’ultima alla esposizione solare. 

Esistono 6 fototipi:

  • Fototipo I: capelli biondi o rossi con pelle chiarissima;
  • Fototipo II: capelli biondi o castani con pelle chiara;
  • Capelli biondo scuro o persone con pelle sensibile: Fototipo III
  • Fototipo IV: capelli castani con pelle moderatamente sensibile
  • Fototipo V: capelli neri /castano scuro e carnagione olivastra;
  • capelli scurissimi /neri e pelle non sensibile : Fototipo VI.
  • Che cosa indica la sigla SPF?

La sigla, che sta per Sun Protector Factor, indica il grado di protezione dai raggi UVB offerto dal prodotto. L’ SPF viene valutato attraverso la MED (dose minima eritematogena), la dose minima di radiazioni solari necessarie a provocare eritema. Più precisamente, l’SPF è il rapporto tra l’eritema che si manifesta mettendo la protezione solare e l’eritema che si manifesta senza protezione.

Esistono diversi SPF:

Basso 6-10: indicato per i fototipi molto scuri e per chi ha già raggiunto un buon livello di pigmentazione.

Medio 15- 25: ideale per i fototipi III e IV

Alto 30- 50: per i fototipi II o chi tende a macchiarsi la pelle dopo la foto-esposizione

Molto alto 50+: per il fototipo I e chi soffre di patologie cutanee che richiedono una foto esposizione molto limitata (Lupus Eritematoso, Rosacea).

  • Che cosa indica esattamente questo valore?

Spesso l’SFP viene erroneamente indicato come il tempo in cui ci si può esporre al sole prima che compaia l’eritema (SPF 50= 50 minuti, SPF 30 = 30 min), ma non è corretto.

In realtà, il numero indica la percentuale di raggi che raggiunge la pelle rispetto a quelli irraggiati: SPF 20 = 1 su 20; SPF 50= 1 su 50….

  • Quante volte al giorno si deve rinnovare l’applicazione del solare?

Più o meno ogni 2 ore. Il top sarebbe applicare il solare almeno 15-20 minuti prima dell’esposizione e rinnovare l’applicazione più volte nell’arco della giornata, soprattutto se si fa sport, si suda molto o dopo un bagno.

Non dimenticate: al sole sì, ma con la protezione giusta!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*