Inverno alle porte: ecco cosa mangiare

L’inverno si avvicina. Ecco quali cibi preferire per combattere raffreddori e prevenire i più comuni malanni di stagione.

L'inverno è alle porte. Ecco cosa mangiare per evitare i malanni di stagione
L’inverno è alle porte. Ecco cosa mangiare per evitare i malanni di stagione

Con l’inverno ormai alle porte, in molti si trovano ad affrontare i primi raffreddori.

Un prezioso aiuto per rafforzare il sistema immunitario e affrontare i prossimi mesi al riparo da influenza e malesseri stagionali può arrivare proprio dalla natura.

La Natura, infatti, ci fornisce una serie di alimenti per affrontare al meglio l’inverno e tenere a bada tosse, mal di gola e raffreddore.

VIA LIBERA A PRODOTTI DI STAGIONE

Vi ricordo che la frutta e la verdura tipiche della stagione invernale contengono sostanze utili a rafforzare il sistema immunitario e, quindi, il primo consiglio è di acquistare – ove possibile- prodotti di stagione.

Le zucche contengono fibra e sono ricche di Vitamina A.
Le zucche contengono fibra e sono ricche di Vitamina A.

Se zucchine e pomodori sono un must dell’estate, l’inverno è il momento di zucche, cavoli, broccoli, cipolle, porri, spinaci e castagne.

Zucche e biete contengono buoni livelli di Vitamina C, tra gli antiossidanti più potenti in natura in grado di contrastare invecchiamento, stimolare la riparazione dei tessuti e la guarigione delle ferite.

Questi ortaggi si prestano ad essere utilizzati come basi per minestroni, zuppe e vellutate: soluzioni perfette per cene leggere, ma nutrienti.

Tra le crucifere del momento troviamo cavolfiori, broccoli e cavoli, dei veri concentrati naturali di antiossidanti.

Aglio e cipolla non possono mancare per la loro azione simil-antibiotica e antivirale naturale: usateli a crudo nelle insalate o cotti per insaporire zuppe e vellutate protagoniste delle vostre cene.

FRUTTA: CONCENTRATO DI VITAMINA C

L’inverno è la stagione dei cachi, delle mele, dei kiwi e soprattutto degli agrumi, che spiccano per il grande apporto vitaminico, specialmente di Vitamina C, utilissima per combattere le malattie da raffreddamento.

I cachi sono uno dei frutti tipici dell'inverno
I cachi sono uno dei frutti tipici dell’inverno

Il segreto per assumerla in modo naturale è mangiare frutta fresca e non trattata, almeno 2 vv ogni giorno, oppure bere spremute e i succhi estratti a vivo, ideali prima dei pasti principali per favorire l’assorbimento di vitamina C contenuta nel resto del pasto.

Via libera anche allo zenzero, potente anti-infiammatorio naturale, utile per lenire la gola arrossata e per contrastare le fastidiose infezioni che colpiscono l’apparato gastroenterico.

Tra gli elisir di questa stagione ci sono anche i datteri, veri “farmaci” naturali.

Grazie al loro contenuto in acido acetilsalicilico sono una vera e propria aspirina naturale. Ne bastano 3 o 4 al giorno per restare in forma e apprezzarne i benefici.

Vi ricordo che la frutta andrebbe evitata alla fine dei pasti o alla sera.

Meglio consumarla al mattino per fare un pieno di nutrienti e aiutare a depurare l’organismo; oppure prima di pranzo per indurre sazietà o come spuntino a metà pomeriggio.

PROTEINE: VIA LIBERA A QUELLE VEGETALI

Uova, burro, carne e molluschi completano il pool proteico e sono un’ottima fonte di zinco, micronutriente fondamentale per il buon funzionamento del sistema immunitario.

Zuppe, passati e vellutate sono un concentrato di fibre e vitamine e sono perfetti per la cena.
Zuppe, passati e vellutate sono un concentrato di fibre e vitamine e sono una scelta perfetta per la cena.

Se di alta qualità e consumati con moderazione completano la dieta salutare del momento, preparando l’organismo alla prossima esposizione a virus influenzali.

L’inverno è la stagione ideale anche per consumare legumi, ottima fonte di proteine vegetali.

Anche se il contenuto proteico è inferiore a quello di carne e pesce, i legumi possono essere considerati una valida alternativa a uova, carne, molluschi, pesce (etc, etc.) per almeno due ragioni: consumando legumi si evita di sovraccaricare il fegato con un’ eccessiva assunzione di proteine di origine animale e in più si assume della fibra, utile per favorire il transito intestinale.

Potete trovare i miei consigli e le mie ricette sul mio blog. Vi aspetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*